Trova migliori hotel nelle destinazioni di tutto il mondo

Giulianova, il mare d'Abruzzo.

Vota questo articolo
(0 Voti)
Giulianova è una città storica che possiede una forte vocazione commerciale e turistica, si colloca fra le più frequentate stazioni balneari del Medio Adriatico, facente parte dell'Abruzzo e sita in provincia di Teramo.
I principali monumenti della città sono: Il Duomo di San Flaviano, superba costruzione rinascimentale dedicata al Santo Patriarca di Costantinopoli, le cui spoglie raggiunsero fortunosamente le coste giuliesi poco prima del 450. Edificato negli anni settanta del XV secolo il Duomo è stilisticamente influenzatato dall'architettura toscana e umbra del tempo. Ha forma ottagonale e possiede mura di straordinaria ampiezza (due metri circa), sormontate da una cupola semisferica rivestita di embrici in cotto. Il Santuario di Maria Santissima dello Splendore, complesso monumentale che ha come fulcri una chiesa riedificata nel 1907 (al posto di un edificio di culto preesistente, di età barocca) e un monastero dei padri cappuccini del XVI secolo. La Chiesa di Santa Maria a Mare, costruzione del X o dell'XI secolo, è situata nei pressi della Giulianova romana (Castrum Novum) prima e medievale (Castel San Flaviano) poi. L'edificio si presenta attualmente in mattoni e presenta un bel portale finemente cesellato con rappresentazioni allegoriche e animali. La Cappella gentilizia di San Gaetano-De Bartolomei, dalle eleganti forme neocinquecentesche, venne eretto in piazza della Libertà, cuore della Giulianova ottocentesca. Resti della cinta muraria di Giulia, fortificazione quattrocentesca che cessò di esistere, integra, negli anni ottanta del 1800. In particolare risalto, cinque degli otto torrioni, torri cilindriche che la ornavano e difendevano agli angoli e nel centro dei lati delle antiche mura, più una torre situata sul litorale: Il Torrione detto "Il Bianco", nel rione "La Rocca", all'angolo nord-occidentale del centro storico. Esso è il più grande dei ruderi conservati, ed era il rifugio del Duca Giuliantonio di Acquaviva in caso di invasione o di rivolta popolare. Ora è sede del Museo Archeologico; Il Torrione di Porta Napoli, al centro del tratto occidentale; Il Torrione Orientale, il più piccolo, situato nel punto mediano del percorso orientale delle mura, parte integrante della residenza ducale degli Acquaviva; Il Torrione nord-est, inglobato nel Palazzo Re; Il Torrione sud-est e la Torre di difesa costiera, che sorge sulla SS 16, nella parte settentrionale del lido di Giulianova. Il Lungomare monumentale, progettato nel 1933 dal giuliese Giuseppe Meo, fu realizzato nel 19361937 lungo il tratto di costa che andava da via Nazario Sauro alla Colonia Marina, per una lunghezza di circa settecento metri. Si ispirava al viale della Vittoria di Bengasi, città all'epoca sotto sovranità italiana, realizzato una decina di anni prima su progetto dell'architetto Arnaldo Foschini. Caratteristiche le demilune e le colonne intravertino di Acquasanta Terme, sormontate dalla triade di luminarie. La Salita Monte Grappa, primo storico collegamento pedonale tra il lido e la parte alta della città, un tempo ospitava la lapide di porta Marina, lastra lapidea risalente alla fondazione rinascimentale di Giulia, recante incisi i versi del Campano, testimonianti la nascita della nuova Giulia, a breve distanza dal luogo in cui poco prima fu distrutta Castel San Flaviano, a seguito della battaglia del Tordino.
Letto 900 volte Ultima modifica il Domenica, 23 Novembre 2014 15:57
joomla green